caccia in Spagna

Caccia in Spagna

La Spagna è una delle nazioni in cui è maggiormente radicata la pratica della caccia. Ci sono più di un milione di licenze di caccia, e il settore da lavoro a 54.000 persone. Una chiave di questo successo è il senso di responsabilità che ha sempre caratterizzato i cacciatori di questo paese. Essi sono riusciti a coniugare la pratica di questo sport con un innegabile spirito di protezione delle specie in via di estinzione. Tutto ciò è possibile grazie alla passione della maggior parte dei cacciatori per l’ambiente naturale in cui svolgono il loro hobby.

Un’altra caratteristica della caccia in Spagna è la sua disponibilità per tutti coloro che ne sono interessati e che hanno una genuina passione per la natura. La caccia minuta è molto diffusa, soprattutto tra gli abitanti delle zone rurali, e al contempo la caccia grossa non è più riservata solo all’elite. Tutti questi ingredienti sono stati fondamentali per far diventare la Spagna un luogo molto attraente per il turismo di caccia: si tratta di un modo per combinare questa pratica sportiva alla conoscenza approfondita dell’ambiente in cui si svolge. L’Estremadura è una delle regioni che meglio sta riuscendo a sfruttare le qualità dei suoi paesaggi, proponendo un’offerta di caccia molto interessante e variegata, per una escursione in Spagna indimenticabile anche grazie ai paesaggi e all’offerta turistica.

Dove cacciare in Estremadura

L’Estremadura conta 3 milioni di ettari di terreno di caccia e più di 78.000 licenze di caccia. Grosse cifre, che danno un’idea dell’importanza di questa comunità autonoma all’interno della Spagna. Questo potenziale è diventato anche un’attrazione per il turismo e per chi è in cerca di un’escursione diversa, in Spagna. Infatti, si sta lavorando per raggiungere un’omologazione della licenza di caccia per i cittadini degli altri paesi europei, per permettere ai viaggiatori di praticare questo sport mentre visitano le incredibili meraviglie turistiche della zona. Questo settore di turismo sostenibileattivo, insieme alla pesca, mobilita 400 milioni di euro all’anno nella regione, un dato che mette in chiaro la sua importanza crescente.

In Estremadura (Spagna) si possono praticare la caccia minuta e quella grossa, entrambe comprensive di numerose specie. In Estremadura, gli appassionati di questo sport hanno la possibilità di cacciare pernici, lepri, conigli, piccioni e quaglie, sempre rispettando i periodi in cui è consentito. Per quanto riguarda la caccia grossa, e anche durante i periodi di divieto, la regione permette di cacciare cinghiali, daini, cervi, caprioli... Una gran varietà di animali, particolarmente concentrati nelle riserve della Sierra Norte, senza dubbio il miglior posto per praticare questo sport che vive grazie alla natura e per essa.

|
 
Turismo rurale in Spagna - Associazioni
 
Turismo rurale in Spagna - Associazioni
Turismo rurale in Spagna - Associazioni
Turismo rurale in Spagna - Associazioni
Turismo rurale in Spagna - Associazioni
Turismo rurale in Spagna - Associazioni
Turismo rurale in Spagna - Associazioni
Turismo rurale in Spagna - Associazioni
Turismo rurale in Spagna - Associazioni
Turismo rurale in Spagna - Associazioni